mercoledì 20 novembre 2013

Verità negoziabili

Non poteva esserci graffito più appropriato, da piazzare in prossimità del famigerato incrocio di Arts-Loi, vicino al cuore pulsante delle istituzioni europee.

La Bolla delle lobby e della diplomazia ti insegna infatti a pensare così: non c'è un giusto e uno sbagliato, basta che sia argomentato in ottimo brussel-inglese e impacchettato in una sequenza che appaia logica.

Le migliori menti delle migliori scuole giungono infatti qui proprio per questo: argomentare la causa del miglior offerente. 

All'inizio tutto ciò mi sembrava mostruoso. E invece adesso che ci metto pochi minuti a buttare giù le parole giuste per un'ipotetica campagna di comunicazione per l'Onu, e faccio del networking con personaggi incravattati di ogni tipo il mio pane quotidiano, comprendo. 

Non amo, ma comprendo.

Update 9 gennaio 2014

Secondo me Arts-Loi cova la ribellione