mercoledì 2 ottobre 2013

Perle di saggezza

Greenwich Village, High Line
Dopo una notte insonne al fianco di un baffuto signore indiano che russava, sono atterrata all'aeroporto di Zaventem che mi sentivo Paulo Coelho. Ecco le riflessioni fatte stamattina molto presto. 

L'eta' adulta viene nell'attimo in cui ti guardi intorno e ti rendi conto che a tirarti fuori dalla merda questa volta non verra' nessuno. E anche nell'attimo in cui ti rendi conto che ce l'hai fatta da solo. E anche nell'attimo in cui accetti che non proprio sempre puoi farcela da solo. 

Ogni giorno puoi scegliere se viverlo col sorriso oppure no. Sta a te selezionare gli argomenti che ti buttano giu' e ti rendono triste, oppure quelli che ti rendono felice e ti danno la carica. Ci sara' sempre abbondanza sia dell'uno che dell'altro. 

Per vivere decentemente ci vuole tanta energia. Tanta. Fisica e mentale. Quando le batterie si scaricano, prendi tempo, riposati finche' la lampadina non si riaccende. Fino a quel momento, non fare niente.

Ognuno si ricarica in modo diverso. C'e' chi stando con gli altri e chi stando da solo. C'e' chi dipende dai momenti. Cerca di capire di cosa hai bisogno e seguilo.

Se devi ragionare troppo su una scelta che viene dal cuore, vuol dire che il cuore non la sente. Sui sentimenti non si ragiona, ed e' il tempo a dire la verita'. 

Oggi - cioe' ieri - e' anche il primo anniversario del mio lavoro. Una parola e' troppa e due sono poche, come diceva nonno Libero.