giovedì 25 luglio 2013

...e sono tre!

Ce l'abbiamo fatta. Un altro anno è passato e sono sempre in terra bruxellese.

Umore decisamente migliore dell'anno scorso, quando temevo di essere eliminata dal tritacarne darwiniano istituzionale.

Felicità lavorativa.

e anche il resto non è malaccio. Tipo, dopodomani vado nella casa nuova.

Insomma sì Bruxelles, voglio stare con te, dopo il nostro matrimonio alla cancelleria consolare. Voglio stare con te anche se mi sono resa conto, passeggiando per Firenze ad esempio, che sei irrimediabilmente bruttina. Voglio stare con te anche se al posto del David di Donatello c'hai il Manneken Pis. Anche se mi hanno tolto il prosciutto cotto Citterio dal Delhaize e anche se le montagne sono delle colline e il mare è di un grigio ventoso.

Tu però continua a trattarmi bene.