sabato 21 aprile 2012

Il Belgio, la Nutella e la pasta all'Ovomaltina

L'avevo adocchiata sugli scaffali già da qualche tempo, accanto alla consueta Nutella. Stesso concetto di crema spalmabile al cacao, ma una crema al cacao basata su quell'alimento che faceva tanto giornata in montagna da bambini, l'Ovomaltina. Morbida, cremosa, ma anche croccante, prometteva l'etichetta. E io da bambina adoravo l'Ovomaltina,

Per qualche mese siamo andate avanti così. La adocchiavo, la desideravo un po' ma non riuscivo a superare il tabù della Nutella. La Nutella è la migliore pasta al cacao al mondo. Lo sanno tutti. E' un dato di fatto. Scientificamente provato, si potrebbe dire. Quindi, perché perdere tempo con le altre?

Poi un giorno l'ho fatto. In un pericoloso stato di propensione al rischio, ho agguantato il vasetto della pasta all'Ovomaltina. Ho tradito la Nutella. 

I primi tempi sono stati idilliaci. Nulla mi dava più soddisfazione della pasta all'Ovomaltina. Morbida, cremosa ma anche croccante. Ne mangiavo in grandi quantità. Tanto più che sulla confezione c'era scritto che era stata eletta "Prodotto dell'anno" da una giuria di esperti. Vedi, cambiare fa bene. Cambiare è segno di intelligenza. Indice di una personalità che sa quello che vuole. 'Fanculo alla Nutella, ormai emblema di tutta quella sequela di inutili tabù italiani sul cibo. Simbolo di quell'Italia bigotta e conformista che ormai mi sono lasciata alle spalle. 

Purtroppo la luna di miele con la pasta all'Ovomaltina è finita. Al termine della confezione, dopo che mi ha fatto compagnia nelle serate più difficili e ha allietato le colazioni più sonnolente, guardavo il vasetto arancione con una sensazione inconfondibile: nausea. Quel vasetto non lo volevo più vedere neanche in cartolina. Era stato bello, finché era durato.

Oggi, alla voce "crema spalmabile al cacao" della lista della spesa è tornata trionfante la Nutella.

E mi sono ritrovata a fare un paragone con la mia esperienza a Bruxelles. Ma non è che stia diventando un po' come la pasta all'Ovomaltina? Che prima ti esalta per la novità e l'adrenalina del cambiamento, e poi diventa irrimediabilmente nauseante? Non è che in fondo la Nutella è davvero meglio, perché mentre l'Ovomaltina è una bella avventura, la Nutella sono io?

Fosse facile cambiare vita così come si cambia una marca di pasta al cioccolato.

[subito dopo questo post è successa una cosa, ma una cosa che neanche se la racconto ci credete. E infatti poi non è successa davvero]

6 commenti:

  1. hmhm, e se poi l'ovomaltina tra qualche settimana ti piace di nuovo e sei di nuovo intorno alla stessa domanda, una volta da un verso, l'altra dall'altro? :)
    Gli alti e bassi capitano sempre cosi' come quella domanda, certo non e' detto che non sia vero, che sia meglio per il proprio insieme di compromessi tornare e lasciare quello che non stimola più come una volta, ma e' anche normale che la scoperta, la sorpresa e la felicita' del cambiamento lascino poi posto alla normalità, alle abitudini, al tempo di notare anche i difetti prima presenti ma ignorati. La soluzione potrebbe essere tornare o partire per l'ennesima destinazione. Oppure restare, perché quelle abitudini hanno un peso che riesce a bilanciare i nostri compromessi e alla fine ti riscopri in un sorriso.

    RispondiElimina
  2. stesso colpo di fulmine per l'ovomaltina crunchy, stessa sensazione di nausea dopo un po', stesso contesto (italiano a Bruxelles) e il collegamento con l'esperienza belga l'avevo fatto inconsciamente. Mi piace quello che hai scritto
    Ma bello che ci sono tutti questi blogger italiani a Bruxelles!
    Perchè non organizziamo una birra collettiva?

    RispondiElimina
  3. eheh ciao bolbendo! la birretta è già in programma, ti terremo aggiornato!

    RispondiElimina
  4. io ci sono nata a Bruxelles e vi posso assicurare ke ho sempre e solo mangiato la NUTELLA!!quando all età di 14 anni ho scoperto ke è Italiana,l ho amata ancora di più!!!!!!!Orni Torino!!

    RispondiElimina
  5. Questo post riceve talmente tante visite che potrei contattare il signor Ferrero per farmi sponsorizzare...

    RispondiElimina
  6. Io sono mortalmente allegico alla Nutella! Ho sviluppato l'allergia a 8 anni e quindi il dramma è che ho conosciuto bene il sapore della Nutella a colazione! L'Ovomaltina l'ho vista raramente al supermercato, nella mia zona si produce la Nutella (e mio padre stesso lavorava nella filiera di questa produzione, forse proprio questa esposizione massiva alla Nutella mi ha fatto sviluppare allergia!)e sugli scaffali c'era solo un prodotto!
    Proverò domani stesso .... se non è scoperta che mi cambia la vita .... o almeno le colazioni mattutine!
    Complimneti per il blog che ho scoperto da poco. Sono reduce da un lungo periodo bruxellese e liegese e non mi è dispiaciuto per niente .... tanto da sopraggiungere insistenti idee di trasferimento.
    Ricollegandomi al tuo discorso .... forse per me allora Bruxelles potrebbe essere la soluzione perché sono allergico alla Nutella ;)

    RispondiElimina