lunedì 28 marzo 2011

Diario dell'EPSO - 1

Non ho potuto resistere. Anche io (se riesco a completare il processo di iscrizione) farò l'EPSO. Cioè, il Concorso. La Commissione, le vacanze, i benefit. la Scuola europea per i bambini.

L'occasione è ghiotta, e anche se ho una certezza quasi matematica che non passerò quegli stupidissimi test a crocette, non posso continuare oltre nel mio fiero isolamento, con questa idea naif di fare la giornalista. Trascinata dall'euforia collettiva, anche io farò l'EPSO.

Dopo vari giorni in cui ho trovato scuse per rimandare, stasera ho deciso di avviare l'operazione di iscrizione che, non so perché, ho il presentimento che sia lunga L'inizio non è incoraggiante: innanzitutto la schermata iniziale ti avvisa che potrebbero volerci diverse ore per completare la domanda. Prima di iniziare l'application, poi, bisogna addirittura leggere un manuale per fare l'application. Il manuale mostra volti di giovani sorridenti e felici di avere passato il concorso e potersi così fare l'operazione al laser per la miopia tutta rimborsata.

Insomma, la grafica e il tono sono accattivanti, e sono pure conditi di frasi esaltanti, come Face a bigger challenge, oppure Why not apply? Give yourself a chance to succeed. Non capisco la necessità di rendere popolare un concorso che, a giudicare dai numeri, lo è già abbastanza. Comunque.

Per applicare ci vuole l'EPSO profile, precedentemente creato e compilato con dati anagrafici e curriculum. Ce l'ho, va solo aggiornato. L'avevo creato anni fa durante un noiosissimo stage in un ufficio dove non sapevo come passare il tempo. [Situazione ricorrente].

Prima di procedere però, la Commissione vuole essere sicura che tu sia in grado di affrontare i test a crocette. Devi fare un test del test. Questo non l'avevo messo in conto. Richiede un certo sforzo, e la motivazione già debole vacilla.

Mi appiglio alla curiosità - che non manca mai - e inizio dal ragionamento verbale. Alla domanda numero quattro, ho un cedimento. E' un breve testo sugli scimpanzé, che devi far vedere di aver capito scegliendo l'affermazione giusta tra le seguenti: Gli scimpanzè sono una specie protetta. L'uomo origina dagli scimpanzé. La similitudine fra uomo e scimpanzé sta nel fatto che hanno il pollice prensile.
Non ce la posso fare, sarà il vino dell'aperitivo. Mi blocco.

Seduta aggiornata. Domani si ritenta, più freschi e mentalmente aperti al surrealismo.